Big Data Innovation Group

non perderti i nostri video ed i nostri "racconti" sulla filosofia che ci ha ispirato

Programmi promozionali si, ma mai senza le "4 P" del marketing

32 Capitoli per illustrare il perché di un'APP MOBILE ed un CRM che hanno il duplice obiettivo di AUTOMATIZZARE la programmazione di promozioni PERSONALIZZANDOLE per singolo cliente sulla base dei BIG DATA e di spingere al massimo i PROGRAMMI DI FIDELIZZAZIONE della clientela, con un'APP che gli permetta di fare tutto, dagli acquisti da casa all'informazione sui prodotti, dalla prenotazione di offerte alla gestione dei problemi con il proprio negozio di fiducia... SCOPRI TUTTE LE FUNZIONI

Programmi di fidelizzazione, carte fedeltà, volantini, programmi promozionali, sconti personalizzati...

TUTTO QUELLO CHE DEVI SAPERE SU QUESTI ARGOMENTI LO TROVI SPIEGATO NEI NOSTRI VIDEO E SCRITTO NELLE NOSTRE PAGINE

FIDELIZZAZIONE 2.0
Capitolo 30 - programmi promozionali si, ma mai senza le "4 P" del marketing


In questo video parliamo dei programmi promozionali e delle 4 P del marketing, tant'è che lo abbiamo intitolato in tal modo. Si parte dalle 4 P e, come tutti i concetti di marketing, sicuramente lo avremmo sentito tantissime volte però, a questa teoria estremamente molto più pratica di quanto si immagini, non corrisponde una reale pratica nel lavoro quotidiano.

Tutte le volte che mettiamo in pista un programma promozionale, tutte le volte che facciamo una particolare attività promozionale, tutte le volte che andiamo a pianificare in generale un'attività di marketing, dovremmo tenere bene a mente la regola delle 4 P che così tanto bene pensiamo di aver spiegato all'interno del video.

FIDELIZZAZIONE 2.0
Capitolo 29



Perché occorre darsi degli obiettivi e tenerli sempre sotto controllo con costanza nel tempo > guarda il video

FIDELIZZAZIONE 2.0
Capitolo 31



Sconti personalizzati per singolo cliente se vogliamo eVolvere realmente verso il futuro > guarda il video

FIDELIZZAZIONE 2.0
Capitolo 32



Capitolo 30 - programmi promozionali si, ma mai senza le "4 P" del marketing

le 4 p del marketing


Stiamo facendo il punto della situazione e quindi, riassumendo, possiamo dire che dovremmo, a questo punto, avere ben presente che i percorsi di fidelizzazione dei clienti, così come i programmi ad essi collegati, dovrebbero assumere tutta un’altra connotazione rispetto a quella che invece, oggi, andiamo a riscontrare sul mercato.

Ma una delle domande frequenti è: ma allora, rispetto ai volantini di cui ai programmi promozionali devo cambiare qualcosa? Ed in particolare, cosa c’è da cambiare?

Prima di approfondire questo tema, dobbiamo parlare di una cosa molto importante, perché è alla base di tutti i ragionamenti marketing-centrici e, non possiamo evitare di puntualizzarla.

Ci riferiamo alle 4 “P” del marketing che sono altrettante leve rappresentative e che si studiano quando ci si prepara sui fondamenti.

Il marketing mix è quell’insieme di azioni variabili poste in essere per far sì che un piano di marketing, volto a posizionare sul mercato un prodotto o un servizio, possa essere davvero efficace e vincente.

Questa è quella strategia che normalmente viene chiamata delle “4P” perché 4 sono gli elementi strategici di cui essa deve essere composta:


·Product strategy o strategia di prodotto: rappresenta quelle idee che mostrano come un prodotto o servizio possa essere utile ad un determinato scopo, per cui provoco un cambiamento negli stili comportamentali delle persone che vi si approcciano.

Facciamo un esempio: avete mai sentito parlare dell’Active Cruise Control? È quel sistema con il quale un veicolo “si accorge” degli ostacoli che ha davanti e della distanza da essi, e quindi rallenta o accelera in funzione dei parametri impostati nel veicolo, impedendo le collisioni; ecco, abbiamo spiegato il grande valore aggiunto di questo prodotto, che alcune vetture possono montare come accessorio, con un sovrapprezzo. Immaginate di essere sul Grande Raccordo Anulare di Roma, o sulla tangenziale di Milano, dove si accelera e si frena in continuazione, ma con questo meraviglioso sistema (ve lo garantisco perché ce l’ho), possiamo stare sereni nella guida in quelle condizioni. Ecco, abbiamo creato la strategia di prodotto volto a risolvere un problema!


·Price strategy o strategia di prezzo che mettiamo in atto quando andiamo a definire appunto il prezzo di vendita continuativo del prodotto; diciamo che è un accessorio importante, che qualifica il livello di guida e fornisce elevati standard di sicurezza all’auto, quindi lo posizioniamo per questo ad un prezzo medio/alto, in considerazione del fatto che è un optional di livello elevato. In questo caso abbiamo messo in atto la strategia di prezzo ed il suo posizionamento.  


·Place strategy o strategia di punto di distribuzione, ossia come intendiamo rendere disponibile il prodotto sul mercato. Diciamo che operiamo tramite i concessionari di auto, in quanto non può essere acquistato separatamente dal veicolo, quindi utilizziamo i venditori dei concessionari auto per illustrare le caratteristiche del prodotto, diffonderne le peculiarità per poi venderlo e …  


·Promotion strategy o strategia di promozione (... i programmi promozionali) che è rappresentata proprio da tutti gli strumenti che mettiamo in campo per raggiungere il nostro pubblico target. Quando prima parlavamo dei venditori dei concessionari, anche loro saranno parte della strategia promozionale perché, promozionare un prodotto NON significa necessariamente fare uno sconto, bensì renderlo noto, così come si rende noto con la pubblicità in tutti i suoi canali (siano essi televisivi, audio, web, social ecc), tramite vendita diretta ecc. 

LO SCONTO PROMOZIONALE è uno dei mezzi con i quali si può promozionare un prodotto.

Se poi il prodotto “X” lo troviamo costantemente sui volantini della distribuzione piccola o grande che sia, vuol dire 2 cose:


1.O un’azienda si svena e rischia di fallire per promozionare continuamente in termini di prezzo il prodotto o servizio oppure …
2.Considera nel prezzo anche questi aspetti così potrà poi promozionarlo e rispettando i parametri che si è data in precedenza, potrà portare quindi valore alla propria causa.

Delle due, sicuramente la seconda, altrimenti sapete quante aziende fallite avremmo incontrato giornalmente?

c30c01

Quando andiamo a lanciare un prodotto o servizio dobbiamo tenere bene a mente quanto abbiamo detto, appena poche righe fa, per poterci posizionare sul mercato nel modo più confacente possibile ai nostri obiettivi.

Ma quando dobbiamo “spingere” sull’acceleratore? Quando vogliamo vendere di più … come possiamo fare?

Per prima cosa, dobbiamo sempre ricordarci che ogni prodotto o servizio deve poter camminare con le proprie gambe, quindi deve essere in grado di sostenersi ed affermarsi sul mercato.

Va analizzato il mercato di competenza, definito l’obiettivo che vogliamo raggiungere a livello di copertura del mercato stesso, ossia quanti clienti vogliamo raggiungere, quale quota di mercato vogliamo ottenere e, in funzione di tali obiettivi, si va ad elaborare la strategia.

Certo che, a seconda di ciò che devo vendere, cambiano gli scenari, le possibilità, il mercato di riferimento ecc. e, di conseguenza, anche la strategia.

Se vendo un nuovo tipo di detersivo per lavatrice posso scegliere alcune strade, se vendo porte blindate ne potrò scegliere altre…

Nel primo caso, quello del nuovo detersivo, possiamo darci come obiettivo il massimo possibile, ossia raggiungere il totale dei nuclei famigliari presenti in Italia (se facciamo la distribuzione a livello nazionale), mentre nel secondo caso, dovrò considerare il ciclo di cambio di una porta blindata e rapportarmi al numero totale di abitazioni.

Dal punto di vista promozionale, torniamo a ripetere, che le promozioni servono per far provare e conoscere il prodotto, quindi aumentare il numero di clienti per costruire il nostro valore in termini di quota ma anche di margini che andiamo a creare.

Ovviamente, se vado a posizionare il mio detersivo (ad esempio), in promozione una volta al mese, consentirò a tutti di acquistarlo sempre in promozione quindi, se non ne avrò tenuto conto in fase di costruzione del prezzo di vendita, rischierò di andare sotto margine, se non addirittura in perdita.

Questo significa, tornando al discorso iniziale sulle promozioni che, quando vediamo costantemente i prodotti in promozione, potendo quindi acquistarli sempre e comunque ad un prezzo di gran lunga inferiore a quello normale, le aziende ne hanno tenuto conto inizialmente, per cui il prezzo di vendita base è maggiorato; poi, in funzione di quante (se pur sempre poche), vendite vengono fatte a prezzo pieno e quante in promozione, si media il margine di contribuzione per singolo prodotto.

Certo dobbiamo considerare una cosa; ogni prodotto nasce con il proprio margine di contribuzione e quindi con la linea guida alla quale ci si deve attenere se si vuol portare a casa il margine necessario.

Se un prodotto si trova sempre in promozione vuol dire che, il margine di contribuzione aziendale prevede già un numero di promozioni definite su di una quantità altrettanto definita.

Morale della favola?

Spesso, i prezzi di vendita al pubblico vengono costruiti considerando proprio che le promozioni saranno parte integrante della strategia di vendita, per cui, si sostengono solo partendo da una base più elevata.

Indipendentemente da queste considerazioni, tutti noi consumatori ci siamo abituati, a seconda dei settori, a fare acquisti in promozione.

Sicuramente nel mondo del food, dei prodotti per la casa, del bricolage, così come per l’elettronica, siamo in generale abituati ad acquistare al prezzo più basso, indipendentemente di quale sia il distributore o venditore del prodotto stesso.

In altri settori, come l’abbigliamento, le calzature ed il fashion, in generale, notiamo più un fenomeno di netta separazione tra prodotti di fascia alta che, generalmente, non subiscono i problemi legati al mercato, e prodotti di fascia medio/bassa con un sostanziale “every day low price”, ossia prezzi bassi tutto l’anno, ma questa è un’altra storia.

Il grosso del mercato è fatto di promozioni, che è la principale cosa che acquistiamo. Si, perché più che prodotti e servizi, siamo abituati ad acquistare promozioni di prodotti o servizi.

Tornando ai nostri ragionamenti, è chiaro che, noi ogni volta che andiamo a programmare una promozione non facciamo il lavoro di verifica se, all’interno delle 4 leve di cui abbiamo parlato, non abbiamo toccato i tasti nel modo giusto ma stiamo ripetendo delle azioni promo perché lo facciamo in modo quasi automatico, ripetendo azioni già fatte, solo perché non abbiamo le giuste tempistiche che ci consentono di fare tutte le necessarie considerazioni (il mondo va veloce per tutti e questa è una tematica decisamente comune), facendo delle azioni con ragionamenti a priori fatti sulla base “della scala del bene” o valutate “a braccio” …. Beh, in questi casi, non ci siamo secondo gli standard che dovremmo mantenere quando andiamo a pianificare una promozione che dovrebbe essere un evento.

A noi, ad oggi, risulta che le promozioni non vengono generalmente pianificate in questo modo, e quindi vuol dire che questo è un punto sul quale occorrerà necessariamente lavorare.

Questo vuol significare che non si sta mettendo in discussione il volantino, non si sta mettendo in discussione la carta stampata o le promozioni, ma si vuole far riflettere sulla modalità con la quale queste promozioni vengono poste in essere.

Da questo punto partiamo per un approfondimento … ossia le promozioni possono essere addirittura meno efficaci, se non addirittura del tutto inefficaci, per quattro principali motivi:


1.se non sono state pianificate a dovere, ma sono semplicemente frutto di altro (non facevo in tempo a prepararmi ed ho accettato quello che mi ha proposto il fornitore, non avevo studiato le alternative per capire se ci fosse stata la possibilità di inserire qualcosa di più efficace al posto di quello che sto inserendo a volantino, ecc), invece di rispondere ad un’esigenza precisa di una delle parti, se non addirittura di entrambe, come dovrebbe essere sempre;
2.se non sono state pianificate nel momento più idoneo, quindi non c’è l’esatta stagionalità, c’è troppa poca distanza di tempo dall’ultima promozione che abbiamo fatto su quel prodotto;
3.se si riscontra una concomitanza di prodotti similari in promozione che ne diminuiscono quindi l’efficacia
4.se si è sbagliata la strategia di prezzo.  

Torniamo quindi a quello che dicevamo prima, ossia che spesso, per quello che è il nostro conoscere quotidiano, le promozioni vengono spesso pianificate in fretta e furia, generalmente non viene fatta un’importante preparazione di base, per comprendere invece come sono andate le ultime, anche in relazione alle fasce prezzo proposte, il numero delle vendite per cliente, l’indice di riacquisto ecc.

Tutto questo, incide ovviamente sull’efficacia e, lato consumatore, vengono anche generati dei ragionamenti indotti, cioè “tanto se non lo trovo più qui in promozione … lo troverò in un altro punto vendita di un’altra catena, sempre con la stessa promo…”

E’ chiaro che qui entriamo in campo con una strategia ben precisa, che fonde elementi di marketing legati alle promozioni con quello che abbiamo detto prima, in merito alla fidelizzazione dei clienti, portando sostanzialmente sul mercato un nuovo possibile percorso con il quale si può, da una parte agganciare il cliente, da una parte farlo interagire con noi quindi fidelizzarlo per, in ultima istanza, ma non in ordine di importanza, metterlo in condizione di acquistare dei prodotti e non delle promozioni!

Sei convinto che i tuoi programmi promozionali siano in linea con le 4 P?  Ora puoi controllare meglio!

HAI UN NEGOZIO O UN SUPERMERCATO ed hai uno solo di questi sintomi?

NON AGIRE IMMEDIATAMENTE POTREBBE FARTI ARRIVARE AD UN PUNTO DI NON RITORNO

Concorrenza sempre più spietata

Le promozioni non rendono più come una volta o non riescono a fare la differenza sulle vendite?

La concorrenza si fa sempre più aggressiva e la spinta al prezzo più basso è diventata spesso l'unica arma disponibile?

Volantini sprecati e buttati

Non sei ancora stanco di spendere soldi per stampare volantini cartacei che vanno nella spazzatura?

Lo sai che i volantini che vengono letti sono mediamente il 20% mentre il residuo 80% va nella spazzatura?

Che ne dici delle fidelity card?

Sei consapevole che le fidelity card sono uno strumento obsoleto che necessita di essere integrato ed aggiornato?

Se non hai un efficiente programma di interazioni con i clienti non le farai mai diventare un programma di fidelizzazione

SCOPRI SUBITO LA SOLUZIONE PRONTA PER TE

ATTRAVERSO QUESTI VIDEO INFORMATIVI OPPURE ACCEDENDO DIRETTAMENTE TRAMITE IL PULSANTE IN BASSO

SCONTI PERSONALIZZATI

Tutti parlano di personalizzazione e di esperienza utente ma poi all'atto pratico cosa abbiamo a disposizione fino ad oggi?

Ecco uno strumento reale che può aiutarti a raggiungere l'obiettivo di "cucire un bel vestito su misura di ogni tuo cliente"

Un vero SISTEMA di vendita ONLINE

Non hai ancora un sistema di vendita online snello, facile da gestire e che ti faccia concentrare su quelli che sono i tuoi veri obiettivi ossia i tuoi clienti?

eCommerceVolution® potrà aiutarti a raggiungerli!

ed anche di Fidelizzazione

Se hai consapevolezza che le fidelity card devono essere potenziate... questo è il modo giusto per farle tornare a rendere valore ai tuoi clienti e farli tornare.

eCommerceVolution® un eCoSistema di funzioni per farti vendere di più e meglio

Per chi è indicata la piattaforma

Per chi NON è indicata

Immagina come sarebbe la tua vita se esistesse un'APP con queste caratteristiche

CON eCommerceVolution® L'ECOMMERCE DIVENTA MOBILE, FIDELIZZANTE E SOSTENIBILE

VENDERE SUBITO SENZA COSTI

Come un "normale" sito eCommerce che necessita di costanti campagne ADV (pubblicità online)

ADATTA PER OGNI ETA'

Una semplicità per tutti! Come fare la spesa all'interno del tuo negozio, anche per i nonni

PRONTA IN 1 ORA & 4 CLIC

Dimentica tutte le difficoltà dei gestionali classici: può gestirla anche un bimbo di 10 anni

eCommerceVolution

FIDELIZZANTE COME NON MAI

Grazie all'ECOSISTEMA di funzioni ad alto contenuto di servizio per i tuoi clienti

SARAI SEMPRE NELLE LORO TASCHE

Non potranno fare a meno di te ed acquisteranno con maggiore frequenza

FARAI IL 30% DI FATTURATO IN PIU'

Dando più servizio ai tuoi clienti, recupererai il fatturato di quello che ora acquistano da altri

Ecco perché potete fidarvi di noi

Solidarietà Digitale Vicini e Connessi

eCommerceVolution®

eCommerceVolution® è un prodotto registrato dalla Big Data innovation Group, start-up innovativa che ha partecipato con successo al bando del Ministero dell'Innovazione e Sviluppo Digitale nell'ambito dell'operazione "Solidarietà Digitale Vicini e Connessi"

Lo sai che puoi detrarre questi investimenti recuperando fino a gran parte dell'investimento ?

Richiedi un contatto con uno dei nostri consulenti per capire meglio come sfruttare i fondi a disposizione per le aziende proprio per gli investimenti in tal senso

Iscriviti alla Newsletter e ricevi il libro FIDELIZZAZIONE 2.0

Scopri tutti i segreti per programmare una vera campagna di fidelizzazione dei tuoi clienti e cosa non funziona nel business che può portarti a perdere clienti e di conseguenza fatturato.

fidelizzazione 2.0 - il libro

Tutti i capitoli del libro: FIDELIZZAZIONE 2.0

Copyright© Big Data Innovation Group® Srl. Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente documento, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte di Big Data Innovation Group Srl. Tutti i Marchi sono registrati e di proprietà della società Big Data Innovation Group Srl - Via Paolo Emilio, 34 - 00192 Roma - P.I. 15530511003 - Cap. Soc. € 50.000,00 i.v.

Privacy Policy - Cookie Policy - Termini e Condizioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER - IN OMAGGIO PER TE

IL NOSTRO LIBRO FIDELIZZAZIONE 2.0 - TUTTO SULLE POLITICHE DI FIDELIZZAZIONE DEI CLIENTI E QUELLO CHE NON TI RACCONTANO SULL'ECOMMERCE

Processiamo i tuoi dati personali secondo la nostra Privacy Policy. Potrai revocare il consenso in qualsiasi momento semplicemente cliccando sul link "disiscriviti" presente alla fine di ogni mail.

I TUOI DATI NON VERRANNO MAI CEDUTI A TERZI

fidelizzazione 2.0 - il libro
Close
error: Alert: Content is protected !!